Importante aggiornamento alla normativa in materia di trattamento di dati sensibili/particolari

Rispondi
Giancarlo Favero
Messaggi: 138
Iscritto il: dom gen 24, 2021 6:45 am

Importante aggiornamento alla normativa in materia di trattamento di dati sensibili/particolari

Messaggio da Giancarlo Favero »

Volevo evidenziare a tutti, ma soprattutto ai Dirigenti Scolastici, che la normativa in materia di trattamento di dati sensibili/particolari, e quindi anche quelli relativi allo stato di salute, ha subito un IMPORTANTISSIMO aggiornamento, come effetto del

decreto-legge 8 ottobre 2021, n. 139, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 dicembre 2021, n. 205, recante disposizioni urgenti per l'accesso alle attività culturali, sportive e ricreative, nonché per l'organizzazione di pubbliche amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali, che è andato a modificare l'Art. 2-sexies del D.Lgs. 196/2003, aggiungendo la dicitura "o da atti amministrativi generali"


1. I trattamenti delle categorie particolari di dati personali di cui all'articolo 9, paragrafo 1,
del Regolamento, necessari per motivi di interesse pubblico rilevante ai sensi del
paragrafo 2, lettera g), del medesimo articolo, sono ammessi qualora siano previsti dal
diritto dell'Unione europea ovvero, nell'ordinamento interno, da disposizioni di legge o di
regolamento o da atti amministrativi generali
.

Questo ha una grandissima rilevanza, in quanto ora anche una circolare ministeriale può costituire la base giuridica che legittima il trattamenti di dati relativi allo stato di salute da parte, ed esempio, delle istituzioni scolastiche.

Questo è importantissimo ad esempio per replicare a quei genitori che si rifiutano di consegnare attestazioni vaccinali o altra documentazione relativa allo stato di salute, sostenendo che non esiste norma di legge che autorizza la scuola a trattare tali dati.

A partire dal 3 dicembre 2021 la situazione è cambiata, e quindi anche una circolare ministeriale o una nota dellìATS di riferimento, può costituire la base giuridica che legittima ed autorizza le Scuole a trattare tali dati.

Grazie e cordialità,

Giancarlo Favero

Rispondi